Azienda - Eurogateway

Vai ai contenuti

Menu principale:

Azienda

SOCIETA'
L'AZIENDA E L'INTERPORTO DI NOVARA

L’interporto di Novara dispone di un terminal intermodale con una estensione complessiva di oltre 170.000 mq all’interno del quale sono operativi 7 binari da oltre 600 m l. ciascuno. La gestione del terminal, e delle relative attività di handling, è affidata a Eurogateway srl, società collegata a CIM Spa, la quale gestisce anche il terminal intermodale di Novara Boschetto. Complessivamente Eurogateway gestisce settimanalmente 148 coppie di treni da/per Olanda, Belgio, Francia, Germania, regno Unito e Italia.  
L'azienda rappresenta per il territorio Piemontese un essenziale snodo ferroviario per il traffico merci in Europa, grazie alla sua capacità di ricezione e alla posizione strategica, che la vede posizionata sul corridoio Rotterdam - Genova.
Ad oggi Eurogateway dispone di una moderna struttura che si articola in svariati uffici in una palazzina di moderna concezione a ridosso del terminal. All'interno un reparto operativo che presidia le attività di Handling H24 7 su 7, un reparto commerciale, di contabilità e  la direzione. L'accesso alla struttura è facilitato dalla vicinanza al raccordo autostradale di Novara Est, e da una viabilità privata in grado di ricevere e ospitare un elevato numero di mezzi, senza che questo vada ad inficiare sulla viabilità pubblica. Ai varchi, l'ispezione dei mezzi è completamente automatizzata, grazie a telecamere ad alta definizione e motorizzare in grado di ispezionare tutti i lati dell'automezzo con un comando remoto impartito da un operatore. Questa ed altre scelte operate dall'azienda in campo organizzativo e tecnologico, hanno permesso ad Eurogateway di rappresentare oggi uno dei più importanti centri intermodali in Italia, e di gestire volumi di traffico importanti da e per il nord Europa.
L'azienda lavora quotidianamente per crescere e ampliare il suo business. E' già in cantiere un piano industriale strettamente legato all'Interporto di Novara che prevede di triplicare la superficie e la capacità del termina da qui a pochi anni.
Torna ai contenuti | Torna al menu